mercoledì, 20 settembre 2017 05:51:06

L’AQUILA, SPACCIA EROINA NEL PROGETTO CASE DI SANT’ELIA. IN MANETTE 34ENNE

lunedì, 17 luglio 2017

L’AQUILA - I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, coordinati dal Tenente Maximiliano Papale hanno prima denunciato e, dopo qualche ore arrestato, F.F., aquilano classe ’83.

Il primo fatto si riferisce alla notte tra il 14 ed il 15 luglio scorso quando, dopo numerosi servizi di osservazione controllo e pedinamento svolti dagli operanti presso i progetti C.,A.S.E. del quartiere Sant’Elia per prevenire e reprimere reati predatori e lo spaccio di sostanze stupefacenti, si sono scorti movimenti sospetti proprio in uno degli alloggi dei predetti complessi residenziali.

Controllato l’ennesimo giovane che usciva da quell’appartamento sospetto è stato trovato in possesso di una dose di eroina di 0,2 grammi.

Immediati accertamenti esperiti su chi occupasse quell’appartamento hanno fatto emergere che l’abitante era proprio F.F., già con pregiudizi specifici per reati afferenti gli stupefacenti.

Effettuata subito la perquisizione domiciliare sono state rinvenute altre 3 dosi della stessa sostanze stupefacente ciascuna dello stesso peso di quella sequestrata proco prima all’assuntore e 10 ricette mediche in bianco della Regione Abruzzo. F.F., pertanto, veniva deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di L’Aquila per detenzione illecita di sostanze stupefacenti e, per il possesso ingiustificato della predetta documentazione medica, anche per ricettazione.

Proprio la mattina sabato 15, dopo appena 12 ore dai predetti fatti, F.F., proprio innanzi alla Caserma dei Carabinieri di Via del Beato Cesidio, veniva visto dagli stessi Carabinieri che avevano operato nei suoi confronti la notte precedente, cedere un piccolo involucro ad un altro uomo.

Immediatamente venivano fermati sia F.F. che il nuovo assuntore il quale deteneva una dose di eroina sempre di 0,2 grammi.

Pertanto, attesa questa volta la fragranza di reato, veniva arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti.

Proprio stamane, a seguito dell’udienza di convalida, l’arrestato è stato condannato ad 8 mesi di reclusione e rimesso subito in libertà con pena sospesa.  

Altri servizi video

X