mercoledì, 28 giugno 2017 00:30:05

L’AQUILA 2017, IL CENTRODESTRA CONVERGE SU BIONDI “ORGOGLIOSO E CARICO DI ENTUSIASMO”

venerdì, 21 aprile 2017

L’AQUILA - Dopo 15 anni la coalizione di centrodestra torna a riunirsi attorno ad un candidato sindaco: Pierluigi Biondi. Tutti i coordinatori dei partiti dello schieramento e i rappresentnati delle realtà civiche che aderiscono ad un comune progetto politico-amministrativo si sono strette attorno al candidato sindaco Biondi che oggi, nella sala “Cesare Rivera” a Palazzo Fibbioni ha parlato di “un grande sogno che ha accomuna ognuno dei presenti, ricostruire L’Aquila e renderla di nuovo una città accogliente, sorridente, inclusiva”.

“Sono orgoglioso e carico di entusiasmo – ha dichiarato Biondi – Perché il centrodestra ha già dimostrato in questa città cosa sa fare. Lo ha fatto nel 2009 perché, nessuno lo deve dimenticare, il Governo Berlusconi ha stanziato in dieci giorni 10 miliardi di euro e ha costruito oltre settemila alloggi in pochi mesi, altro che la lotteria per le casette di Amatrice. Il centrodestra può andare a testa alta, perché tutti all’epoca hanno fatto la loro parte, dall’onorevole Giorgetti della Lega al sottosegretario Letta, a cui si devono la rateizzazione delle tasse sospese e ulteriori 600 milioni di euro, ed è un amico di questa città, all’allora Ministro Meloni che la mattina del 6 aprile 2009 venne all’Aquila con la sua macchina per vedere com’era la situazione e cosa potesse servire”.

“La cosa più bella che vedo in questa sala sono i sorrisi delle persone, consapevoli del percorso di rinascita della città che stiamo iniziando. Ognuno di noi oggi si assume una grande responsabilità, ma lo fa volentieri perché sa di contrbuire a rendere migliore la vita di chi oggi vive all’Aquila e dei suoi figli. Permettetemi, inoltre, di ringraziare Guido Liris e Luigi D’Eramo: entrambi non avrebbero sfigurato se fossero stati al mio posto. Abbiamo militato insieme, ci siamo anche scontrati con grande senso di responsabilità, la stessa che le forze politiche hanno dimostrato mettendo da parte le proprie, legittime, aspirazioni per dare un senso compiuto al progetto del centrodestra in città” ha aggiunto Biondi.

“L’esperienza amministrativa di Biondi sarà utile quando sarà sindaco dell’Aquila – ha detto Nazario Pagano, presidente regionale di Forza Italia – I cittadini aquilani hanno sempre risposto in modo positivo quando il centrodestra si è presentato unito. Sarà una battaglia ma si può vincere: il sottoscritto e Forza Italia ne sono convinti, per questo sono al fianco di una persona come Pierluigi Biondii”.

“L’obiettivo è quello di scalzare il centrosinistra dal governo della città, che non ha nessuna strategia soprattutto dal punto di vista della ricostruzione delle frazioni e ripresa del tessuto produttivo. Daremo il nostro contributo, e anche il nostro leader, Matteo Salvini, sarà presto in città” ha sottolineato il senatore Paolo Arrigoni, coordinatore regionale di Noi con Salvini.

“Giorgia Meloni sarà all’Aquila lunedì 24 aprile alle 11:30 – ha spiegato Etelwardo Sigismondi, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale – Sarà una campagna elettorale difficile, complessa, che dovrà smantellare il sistema clientelare messo in piedi da dieci anni di centrosinsitra. Ma la classe dirigente di questo centrodestra è in grado di portare a termine questo compito e segnare un reale punto di discontinuità con il passato”.

“Il vero obiettivo di queste elezioni è portare un rinnovamento che nel centronistra non c’è   stato” ha spiegato Annamaria Bonanni, coordinatrice regionale di Rivoluzione cristiana, mentre il portavoce comunale dell’Udc, Luciano Bontempo, ha aggiunto che “gli aquilani vogliono recidedere il rapporto con  chi ha governato, male, questa città”.

“Finalmente il centrodestra è unito, le divisioni hanno portato finora solo alla vittoria di Cialente e del centrosinistra” ha aggiunto Corrado Ruggeri, coordinatore comunale dell’Aquila città aperta.

“Biondi rappresenta al meglio quelle che sono le nostre idee e le nostre prospettive, è quel granello in grado di romprere un meccanismo che non funziona ma che tornerà a girare nel modo giusto quando il centrodestra tornerà al governo” ha rimarcato Antonio Pensa, portavoce della movimento L’Aquila futura; “L’Aquila deve tornare ad attrarre investimenti per far sì che le famiglie e le persone rimangano e non siano costrette ad andare via per mancanza di prospettive” ha chiosato Alessio Ciccone, presidente del movimento Prima L’Aquila.

Altri servizi video

X